Cut-Up Found Footage

Cut-Up Found Footage

Cut-Up

Arte che accetta la materia delle lettere ridotte e diventate semplicemente se stesse, (aggiungendo o sostituendo totalmente gli elementi poetici e musicali) e che supera per plasmare nel loro blocco delle opere coerenti.

Isidore Isou

L’idea di rinunciare all’uso delle parole avulse ed usurate dalla rigidità grammaticale, da origine a tutto il movimento del Lettrismo che In Isidoure Isou ne vede il principale armatore. E cosi che attraverso l’onomatopea, i suoni, i fonemi e la musicalità del discorso ha origine una nuova poetica visuale. Il verbo si scioglie nel tempo, si svincola dal significato per divenire produttore di senso. Il fenomeno del Lettrismo ha origine in Francia intorno agli inizi degl’anni 40 e 50, in campo artistico ne faranno parte tra gli altri Maurice Lemaitre sul versante del cinema e della scrittura e Gil J Wolman nel campo delle arti della pittura e del linguaggio cinematografico. Quest’ultimo, ne approfondisce i canali sperimentali apportando significative variazioni. Dove il lettrismo basava i suoi concetti sulla lettera, il Megapneume di Wolman si basava sul respiro. Nel cinema/video origina l’Anticoncept, opera per la quale è ancora oggi ricordato oltre ogni limite della postmodernità. Nella seconda metà del secolo breve il lettrismo origina il fenomeno del Situazionismo e la critica alla società dello spettacolo. I suoni sono dunque uno dei tanti elementi compositivi del panorama visuale, costituisco l’atmosfera del paesaggio e non necesariamente hanno l’obbligo di spiegarne l’invisibile. Questo significa che alla base di ogni singola immagine o lettera, l’eterogeneità degl’oggetti e di ciò che risiede nel ventre delle cose sono la sostanza di quel che ordinariamente chiamiamo realtà. Sono i suoni che materializzano l’irrealtà o le cose che attraverso il rumore ne frammentano il suono? Una risposta grafica viene approfondita in una collezione di opere dal titolo Cut-Up, che in anni passati con minuzioso interesse ho generato catalogando la mia più personale collezione di immagini, lettere, colore e simboli, nell’interesse di generare un’ultima crittografia della quarta dimensione. I Cut-Up funzionano come una singolare lente di ingrandimento sulla rappresentazione dello spirito del tempo, la tecnica utilizzata si sviluppa su supporti di metacrilato trasparente, mediante l’impiego dello scoch sulle pagine delle riviste cartace, si esercita una leggera pressione per poi asportare l’anima della stuttura editoriale (l’informazione).